Cerca in Dada Pasticciona

venerdì 21 aprile 2017

GALLINE O UOVA? UN SIMPATICO BIGLIETTO- QUADRETTO DI AUGURI PASQUALI

Oggi voglio mostrarvi questo simpatico biglietto-quadretto pasquale realizzato dall'insegnante Beatrice Marchesin e dai suoi bambini. Trovo che sia molto bello ma soprattutto una valida alternativa alle solite schede di pregrafismo.

Ma lasciamo la parola a Beatrice:



Per la base abbiamo utilizzato dei rettangoli di cartoneformato A4,  ricavati dagli scatoloni. Con lo stesso cartone abbiamo creato anche la cornice. 
I bambini hanno dipinto le varie parti con la tempera. Una volta asciugate, hanno decorato le strisce della cornice col pennarello e le hanno incollate sulla base creando così un quadretto. 
La gallina é fatta di cartoncino bristol bianco che i bambini hanno tagliato, dal bristol rosso hanno invece ricavato la cresta e la coda.
Hanno incollato le varie parti della gallina fra di loro e poi l'hanno fissata sul quadretto.
Hanno disegnato le ali, incollato i bottoni per gli occhi e un piccolo triangolino di bristol arancione per il becco. Le zampe sono fatte con lo spago e il cartoncino bristol rosso. 
Con la colla a caldo abbiamo incollato un bastoncino di legno sotto la gallina ed un po' di paglia.

FIORI PRIMAVERILI ISPIRATI DALLE OPERE DI KANDINSKY

Oggi voglio mostrarvi questa bellissima attività proposta dall'insegnante Beatrice Marchesin ai suoi bambini. 



Appena ho visto questi fiori mi è subito venuto alla mente il pittore Kandinsky e il suo quadro "Studio sul Quadrato". Sarebbe quindi bello poter partire dal quadro e giocare insieme ai bambini a riprodurlo allenando la mano ad inscrivere tanti cerchi concentrici all'interno di un foglio diviso in quadrati. In un primo momento, per far capire il concetto di cerchi concentrici darei ai bambini tanti tappi di plastica colorati di diverse dimensioni in modo da poter giocare a sovrapporli ed incastrarli uno dentro all'altro od ordinarli in modo crescente o decrescente. Infine darei tanti piatti con tempere di varie tinte dentro cui immergere i tappi per poi stamparli e ricreare l'opera osservata.
Alla fine farei poi realizzare questi bellissimi fiori. 
Ma lasciamo la parola a Beatrice:

I bambini, utilizzando ritagli di vari cartoncini, hanno disegnato cerchi di tre misure, poi li hanno incollati su cartoncino colorato ed hanno infine completato con un pennarello nero aggiungendo stelo, foglie e petali.


Direi che questa attività è anche un buon esercizio di pregrafismo alternativo alle solite schede.

giovedì 20 aprile 2017

VASO PRIMAVERILE

E' con grande piacere che oggi ospito nel blog l'insegnante Franca Martinoli che ci spiegherà brevemente come hanno realizzato questo bellissimo vaso primaverile.


 I bambini hanno dipinto con le tempere dei fiori che hanno poi ritagliato. 
Abbiamo recuperato delle farfalle da vecchi biglietti da visita di un albergo che ha chiuso l'attività (dunque ci ha regalato moltissimo materiale) e le abbiamo incollate sui fiori.  


Un cartoncino dorato lo abbiamo trasformato in vaso. 


Affinché tutto restasse "in piedi" ho incollato un tubo di cartone dietro al mazzo di fiori e con la colla a caldo ho fissato il tutto su dei quadratini di legno recuperati da un vecchio gioco. 


martedì 18 aprile 2017

STORIE PER CRESCERE!

Cara Vanessa, ti ringrazio per avermi segnalato i tuoi libri "Un sottomarino in paese" e "Mina e il Guardialacrime", due testi ricchi di spunti per lavorare con i bambini. 
Ecco cosa abbiamo realizzato coinvolgendo i genitori: un albero della pace e della gentilezza. Con i bambini abbiamo decorato le sagome delle loro mani realizzate su diversi materiali e le abbiamo appese insieme a quelle dei loro genitori che, in una serata dedicata, avevano realizzato l'albero e le loro impronta con dentro scritto un pensiero di pace, di amore o di gentilezza. 




In un angolo del salone abbiamo messo cuscini, pupazzi e coperte ed abbiamo appeso l'albero creando così uno spazio-rifugio dove andarsi a sedere per calmarsi o ritrovare la serenità dopo un litigio. I bambini in modo autonomo gestiscono questo angolo e decidono di utilizzarlo da soli od insieme ai compagni con cui c'è stato uno screzio per ritrovare la pace.
I testi ci hanno fornito anche lo spunto per parlare dei gesti gentili che contribuiscono a farci vivere sereni ed in pace. Ci siamo divertiti a drammatizzare tante situazioni in cui siamo gentili ed altre in cui litighiamo ed abbiamo parlato delle nostre emozioni e stati d'animo. 
E qui nascono tanti altri spunti di lavoro, ve ne elenco solo alcuni, altri li trovate qui:
- creare un orologio delle emozioni dove ogni bambino può mettere la freccia sull'emoticon che rappresenta il suo stato d'animo.
- si possono fare giochi per imparare a collaborare come trasportare una palla a coppie tenendola in equilibrio su due bastoni e cercando di non farla cadere, o fare dei percorsi bendati e guidati dalle indicazioni dei compagni.
- si possono associare musiche, colori ed opere d'arte ad ogni emozione.

Ma lasciamo la parola all'autrice.

Prima di tutto, grazie per l'ospitalità in questo tuo blog colorato, creativo e accogliente!
Mi presento a tutti voi, sono Vanessa Navicelli ed è davvero un piacere essere qua con i miei libri.
I miei libri, ecco. Sarà il caso di presentarveli?

Partiamo con il primo.

La prima fiaba illustrata che ho pubblicato è "Un sottomarino in paese". Una storia a sfondo pacifista. 


Nel libro ho raccontato di un Capitano e di un piccolo sottomarino che per tutta la vita non ha fatto che combattere e non sa stare senza fare la guerra, anche quando di guerre non ce ne sono. Un Capitano così matto da non chiedersi nemmeno se c'è o no un motivo per attaccare; l'importante è iniziare a combattere, poi il motivo lo si troverà!
Il sottomarino mi è venuto subito in mente, perché il messaggio centrale della mia storia è che la guerra è una cosa da matti, senza senso. E cosa c'è di più insensato di un sottomarino che, invece di starsene in mare, si trova nella piazza di un paesino di collina? Il punto era questo: dare subito l'idea della follia della guerra con un'immagine.
Il messaggio principale di questa fiaba è che la guerra non risolve i problemi, anzi ne crea di nuovi. Che la violenza genera altra violenza, e quindi non è la strada da seguire. Mai. 
Solo avvicinandosi al Prossimo e lasciandosi avvicinare si può sperare di migliorare le cose. La collaborazione, il rispetto, il saper ascoltare l'altro, l'interessarsi all'altro, l'aiuto reciproco e, se nasce, anche l'amicizia… ecco, queste sono soluzioni.

Io l'ho sempre pensata come una fiaba per famiglie. Da leggere assieme. Un modo che permette ai bambini di imparare (divertendosi) e agli adulti di ricordare. 
Molti bambini che ci si sono affezionati l'hanno fatta diventare anche una storia della buonanotte!

Una volta, in un incontro in una scuola, un bambino mi ha chiesto: "Perché hai deciso di fare un finale felice, senza guerra?" Risposta: perché è quello che spero. Quello che vorrei accadesse sul serio, anche nella realtà. Nel nostro mondo, purtroppo, è molto più difficile e complicato. Ma il mio finale vuole essere di buon augurio. 

Questa fiaba mi ha portato cose che non mi sarei mai immaginata. Ad esempio, gli incontri coi bambini nelle scuole. 
I bambini sono meravigliosi! Pieni di domande da farti ma anche di cose da dirti. E pieni di affetto, per la storia e per chi l'ha scritta. È un vero privilegio incontrarli e passare del tempo con loro. 
Tutte le scuole che ho incontrato hanno lavorato a progetti didattici sul mio libro, da semplici disegni (e quanto è bello vedere bambini che disegnano la pace…), a riscritture della storia, a messe in scene teatrali… di tutto. Mi hanno stupita un'infinità di volte, sia i bambini che le maestre. Mi ripeto, ma le ondate di affetto che ti arrivano sono qualcosa di indescrivibile.
Sono incontri molto vivaci e veri, perché io mi metto in gioco senza filtri; i bambini se ne accorgono subito e reagiscono facendo lo stesso. Il target principale sono i bambini della scuola primaria, sì, è vero. Ma "Un sottomarino in paese" viene letto anche nelle scuole dell'infanzia e a bambini di età diversissime. Una scuola dell'infanzia ne ha fatto il libro di riferimento per l'intero anno scolastico (con laboratori e incontri in biblioteca, lavori in classe e, a chiusura dell'anno, una messa in scena teatrale).

Ma passiamo al secondo libro. 
"Mina e il Guardalacrime", una fiaba illustrata per bambini dai 4 anni. (E per tutti quelli che hanno un cuore aperto alla magia!)

"Mina e il Guardalacrime" inaugura la collana delle Fiabe Bonbon. Fiabe buone, di nome e di fatto. Piccole e dolci come i bonbon.
Magia, poesia e tenerezza (a volte un pizzico di umorismo) sono le caratteristiche di queste storie, che possono far leva anche su lettori più adulti. 
Si sa: un bonbon tira l'altro. Ecco perché a questa prima fiaba ne seguiranno molte altre. 
Sarà una grande avventura. E i lettori ne faranno parte.

Mina è una piccola lacrima in fuga, perché stanca di portare solo dolore a tutti quelli che incontra.
In cerca di una pozzanghera in cui buttarsi, inizia una storia di viaggio e di scoperta, durante la quale farà incontri strabilianti e bizzarri!

Questa è una storia che affronta il tema delle emozioni e che ci ricorda quanto sia importante non fermarsi alle apparenze. Imparare ad apprezzare se stessi e i propri talenti. Confidarsi con chi ci vuol bene.

Alla fine della fiaba vera e propria, vedrete come Mina ha voluto salutare di persona i suoi amici lettori, in una postfazione dal titolo "La parola a Mina: un saluto e tante caramelle".
E così ci racconterà di sé, del magico mondo in cui vive e di come nascono i deliziosi bonbon.
Una specie di piccola fiaba nella fiaba.

Autrice
Vanessa Navicelli è nata in provincia di Piacenza, ma da anni vive a Pavia. 
È cresciuta coi film neorealisti italiani, con le commedie e i musical americani, coi cartoni animati giapponesi, coi romanzi dell'Ottocento inglese e coi libri di Giovannino Guareschi. (Be', sì… anche coi suoi genitori.) 
Crede nella gentilezza. E nell'umorismo. (Forse è umoristico credere nella gentilezza.)

È stata finalista del Premio Letterario "La Giara" per romanzi inediti, indetto dalla RAI nel 2012; rappresentante e vincitrice per la regione Emilia Romagna.
Ha vinto la sezione "Scritture per Ragazzi" dello Scriba Festival di Carlo Lucarelli e vari premi con la Scuola Holden di Alessandro Baricco. Il Premio Cesare Pavese per la poesia e il Premio Giovannino Guareschi per racconti.
Scrive romanzi per adulti e ragazzi; e storie per bambini.

Quando scrive, cerca di tenere presente quattro cose: la semplicità, l'empatia, l'umorismo, la voglia vera di raccontare una storia.

venerdì 31 marzo 2017

IL CONIGLIETTO DI PASQUA E LE UOVA VARIOPINTE!!!

Oggi è ospite del blog l'insegnate Francesca Saladino che ci descriverà le bellissime attività che ha proposto ai suoi bambini legate alla leggenda anglosassone del coniglietto di Pasqua. Ma lasciamo la parola a lei:

Ho pensato di raccontare ai bambini la leggenda del coniglietto di Pasqua, nel web se ne trovano tante, io ho utilizzato il libro: "Una sorpresa per Pasqua" di Nancy E. Walker Guye e I. Oleinikov.

Nel libro si racconta che "Come ogni anno, il coniglio di Pasqua sta per andare a nascondere le uova colorate che i bambini si divertiranno a cercare. Ma, accipicchia, il manico del suo cesto si rompe e le uova ruzzolano da tutte le parti sul prato. Che disastro! Per fortuna, gli amici accorrono per aiutarlo..."

Dopo la lettura della storia ho accompagnato i bambini in giardino per aiutare il coniglio a raccogliere le uova... dando inizio ad una vera e propria caccia al tesoro che ha entusiasmato tutti i bambini!

Rientrati in classe abbiamo deciso di realizzare dei cestini porta uova a forma di coniglio da donare in occasione della Pasqua alla propria famiglia.

Abbiamo preso una gruccia di metallo, quelle che danno nelle lavanderie a secco e l'abbiamo allungata, dandole una forma più o meno ovale.

Abbiamo ricoperta la gruccia da entrambi i lati con del cartoncino che abbiamo precedentemente pitturato con i rulli e la tempera.

Abbiamo poi aggiunto le orecchie sempre realizzate con cartoncino e tempera.

Abbiamo disegnato, ritagliato e incollato gli occhi, aggiunto il naso realizzato con batuffolo colorato, il ciuffetto in cima alla testa fatto dei dei fili di lana, e completato con ciglia, baffi e bocca realizzati con i colori gonfiabili. (Puffy color)




Poi abbiamo incollato sul retro  della gruccia-coniglio una metà di piatto di carta precedentemente colorato con pennarelli grossi.


Abbiamo inserito all'interno della tasca così realizzata della paglietta e le ovine di cioccolato trovate in giardino durante la caccia al tesoro.


Per accompagnare il dono abbiamo realizzato dei semplici bigliettini utilizzando i colori gonfiabili e disegnando un bell'uovo decorato.







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email