Cerca in Dada Pasticciona

domenica 17 settembre 2017

ATTIVITA' PER SVILUPPARE LA MOTRICITA' FINE

Oggi voglio proporvi alcune attività e giocattoli che ho costruito per i miei bimbi della sezione primavera con l'intento di "allenare" le loro manine, rendendole più forti per sviluppare la prensione corretta, opponendo pollice con indice e medio. Questo modo di afferrare gli oggetti con tre dita che si stringono come a formare un becco d'anatra e due che "dormono" sul palmo della mano altro non è che la giusta impugnatura per colori, matite e forbici.

Per realizzare questo gioco ho utilizzato un barattolo di latta con coperchio di plastica e delle cannucce.
Ho bucato il coperchio di plastica in modo da creare fori grandi e piccoli entro cui provar a far passare dei pezzetti ci cannucce. I bimbi si sono dedicati con impegno a quest'attività, dopo vari tentativi sono riusciti ad inserire i pezzi di cannuccia nei fori della dimensione giusta, tralasciando quelli troppo stretti.

Ho utilizzato pezzetti di cannuccia e non cannucce intere in modo che
i bambini potessero afferrarle opponendo indice con pollice e medio.

Inizialmente, quando la cannuccia non entrava nel foro,
i bimbi si spazientivano, poi hanno capito il gioco
Un porta grissini è diventato un grattacielo entro cui inserire ed incastrare le cannucce! I bimbi si divertono molto ad incastrare le cannucce o a farle passare attraverso due fori opposti. Tanta la concentrazione ed il silenzio mentre si svolge questo gioco.



Ho realizzato dei piccoli pon pon di lana, ed invitato i bambini ad afferrarli e suddividerli per colore utilizzando una molletta. L'iniziale difficoltà nel capire da che parte afferrare le mollette mi ha fatto apportare una piccola modifica, colorando di rosso la parte in cui i bambini dovevano afferrare la molletta.




Con un cestino di plastica, dello spago e delle mollettine ho creato un piccolo stendipanni!


 Con carta da regalo plastificata ho creato dei piccoli vestitini che i bambini dovevano appendere ad asciugare.


E per imparare a tenere in ordine e ben apparecchiata la tavola ho giocato a far indossare ai bimbi, in modo autonomo, il loro tovagliolo e posizionare forchetta, cucchiaio e bicchiere su di una tovaglietta dove avevo tracciato le loro sagome.


sabato 2 settembre 2017

BOTTIGLIE SONORE DELLA SERENITA'

Queste che vi mostro sono delle bottiglie che ho creato per i miei bimbi della sezione primavera, ispirandomi alle bottiglie della calma della Montessori. Sono state un ottimo aiuto nel periodo degli inserimenti perché hanno incuriosito, intrattenuto, divertito i bambini permettendo loro un distacco più sereno. Per crearle ho utilizzato le bottigliette dei succhi di frutta, le ho riempite con i materiali più disparati che pensavo potessero colpire i bambini sia visivamente che dal punto di vista sonoro. Per essere sicura che i bambini non le potessero aprire ho incollato i tappi con una colla molto forte e poi ho aggiunto il nastro isolante tutto intorno.

Di seguito vi elenco il contenuto delle varie bottiglie:
- tappi di plastica
- gemme di plastica
- perline di plastica
- fiori di stoffa
- bottoni
- campanellini
- paillettes enastro di raso
- piume
- fili di lana
- scarto di matite temperate
- olio per neonati e perline o paillettes o brillantini
- conchiglie
- letterine di plastica
- piccoli pon pon colorati
- bagnoschiuma ed acqua








Le bottiglie sono così piaciute che i bimbi hanno voluto crearne altre: qui stiamo realizzando una bottiglia nascondi giochi con neve sintetica e piccoli animaletti. I bambini, girando e capovolgendo le bottiglie, dovranno indovinate quale animaletto vi è nascosto al suo interno.


Con le guarnizioni dei vasi delle conserve i bambini hanno inventato un nuovo gioco.


APETTE RICICLOSE

Ecco delle semplicissime api da realizzare con i più piccoli, io le ho proposte per decorare la nostra sezione, quella delle Apette, appunto.


Materiale occorrente:
- ovali di cartone
- pezzetti di lana nera e gialla 
- ovali di carta di quotidiani o elenchi telefonici o riviste
- filo di nylon da pesca
- occhietti

Realizzazione:
I bambini hanno incollato su entrambi i lati degli ovali di cartone la lana e poi le ali.
Infine ho applicato gli occhietti su entrambi i lati e un filo trasparente per appenderle.

ADDOBBO VELOCE PER L'AULA

Oggi voglio mostrarvi un modo per decorare la vostra aula veramente veloce e di effetto. Tutto quello che vi occorre sono dei palloncini bianchi per fare le nuvole e delle strisce di stoffa o carta crespa colorate per fare l'arcobaleno.



venerdì 1 settembre 2017

COME NASCE IL TEMPORALE?

Oggi voglio lasciare la parola a questa bellissima attività proposta dalla collega Renata Atzeni presso la scuola dell'Infanzia Mons. Timoteo Telo di Cassano d'Adda.


Il temporale è dalla notte dei tempi un evento misterioso e affascinante agli occhi dei bambini. Interpretazione rivista e rivisitata di questo meraviglioso fenomeno naturale: i capricci e i dispetti delle nuvole fanno arrabbiare il cielo!
E anche i bambini fanno i capricci?


Come nasce il temporale?

Due nuvole birbone si facevano i dispetti,
tiravano fuori le linguacce
si davano colpetti...
Come fate anche voi bambini
che siete un po' birboni...
anche le nuvolette, si davan spintoni.
Ma perché tanto litigare?
Non sarebbe meglio andare a giocare?
Anche il cielo si arrabbio' tanto per quel chiasso e quel baccano...
così decise di prendere la situazione... in mano...
Il cielo si tinse tutto di nero...
lampi, tuoni,fulmini, la pioggia cominciò a cadere.
Le nuvole si presero per mano e cominciarono a tremare!
Il cielo continuò a rombare, chissà se il sereno tornerà?
Ma se le nuvolette faranno pace anche il cielo si calmerà!
Le nuvolette si tengono per mano e si danno un bel bacino
Il cielo torna chiaro, azzurro
il sole ricompare a fa a tutti... un bell'inchino!
Adesso voi bambini vogliamo interrogare...
se volete litigare, sapete che temporale
la mamma potrebbe scatenare?!
E' meglio giocare insieme, fare un grande girotondo
tenendosi per mano e girare
intorno al mondo!

Questa la filastrocca che è stata letta, interpretata ed animata utilizzando vari materiali. 



I teli, chiaro e scuro, servono per rappresentare il cielo sereno ed arrabbiato. 
I due guanti sono le rispettive nuvole.
I contenitori delle uova servono per riprodurre il rumore dei tuoni battendoci sopra il cucchiaio o sbattendo i cucchiai insieme.
Le strisce di carta delle uova di pasqua rappresentano la luce dei lampi oppure usate e così anche la torcia. 
Il rumore della pioggia è ottenuto con i semini di mais lasciati cadere su di un piatto prima lentamente e poi più velocemente.
Le mollette per creare il rumore dei denti che battono dalla paura.
I cucchiai di legno per il rumore delle nuvole che si dan colpetti.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email